• Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Dichiaro di avere letto l'informativa sulla privacy e di autorizzare il trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento UE 2016/679. I dati saranno utilizzati esclusivamente per le finalità indicate, mantenuti riservati e in nessun caso saranno comunicati a terzi.

Home / Finanziamenti alle Start-up Innovative

Finanziamenti alle Start-up Innovative

Sono definite Start-up innovative le società che hanno forma giuridica di società di capitali, costituite anche in forma cooperativa, le cui azioni non sono quotate su un mercato regolamentato.

La consulenza prevede:

– Il supporto nella costituzione della Start-up innovativa, mediante l’iscrizione nell’apposita sezione speciale del Registro delle Imprese. È condizione necessaria per poter beneficiare delle agevolazioni previste dal “Decreto Crescita 2.0”, convertito il Legge nel Dicembre 2012.

– La redazione del Business Plan, al fine di accedere in modo semplificato, gratuito e diretto al Fondo Centrale di Garanzia.

Imprese da costituire

Caratteristiche tecniche:

– È costituita da non più di 60 mesi.

– Ha sede principale dei propri affari ed interessi in Italia.

– A partire dal secondo anno di attività della start-up innovativa, il totale 
valore della produzione   annua, così come risultante dall’ultimo bilancio approvato entro 6 mesi dalla chiusura dell’esercizio, non è superiore a 5 mln di euro.

– Non distribuisce e non ha distribuito utili.

– Ha come oggetto sociale esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione 
e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi (anche la 
promozione dell’offerta turistica) ad alto valore tecnologico.

– Non è stata costituita da una fusione, scissione societaria o a seguito di 
cessione di azienda o di ramo d’azienda.

Possiede almeno uno dei seguenti requisiti:

– Le spese in ricerca e sviluppo sono uguali o superiori al 15% del 
maggior valore fra costo e valore totale della produzione della start-up innovativa (dal computo delle spese in R&S sono escluse quelle relative all’acquisto e alla locazione di beni immobili).

– Impiego come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo, in percentuale uguale o superiore ad 1/3 della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che sta svolgendo un dottorato di ricerca presso Università italiane o straniere, oppure in possesso di laurea e che abbia svolto, da almeno 3 anni, attività di ricerca certificata presso Istituti di ricerca pubblici e privati, in Italia o all’estero, ovvero in percentuale uguale o superiore a 2/3 della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di laurea magistrale ai sensi dell’art. 3 del Regolamento di cui al decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca 22 ottobre n.270.

– Sia titolare o depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale relativa ad un’ invenzione industriale, biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale, ovvero sia titolare dei diritti relativi ad un programma per elaboratore originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i programma per elaboratore, purché tali privative siano direttamente afferenti all’oggetto sociale e all’attività d’impresa.

Imprese già costituite

Le società già operative alla data in vigore della legge (prima del 2012, ma comunque costituite entro i 5 anni, ovvero gli anni previsti per le agevolazioni), possono rientrare nella categoria di Start-up innovative e godere delle agevolazioni secondo questo scadenziario:

– per 4 anni, se l’azienda è stata costituita entri i 2 anni precedenti;

– per 3 anni, se costituita entro i 3 anni precedenti
;

– per 2 anni, se costituita entro i 4 anni precedenti.