• Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Dichiaro di avere letto l'informativa sulla privacy e di autorizzare il trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento UE 2016/679. I dati saranno utilizzati esclusivamente per le finalità indicate, mantenuti riservati e in nessun caso saranno comunicati a terzi.

Home / Credito alle imprese

Credito alle imprese

La selezione degli strumenti adeguati rappresenta una delle scelte più importanti per la gestione delle imprese e delle famiglie. Il corretto utilizzo degli stessi, spesso, determina la disponibilità delle banche a concedere credito e a migliorare le condizioni applicate.
Ne elenchiamo alcuni:

Scoperto di conto corrente

Lo scoperto del conto corrente è una particolare forma di finanziamento che viene concessa dalle banche o istituti di credito alle persone fisiche o giuridiche.

Detto anche scoperto di cassa, o fido di cassa, è quindi uno strumento di uso “quotidiano” per sopperire a “momentanee” crisi di liquidità. Si tratta di una metodologia assai diffusa nel nostro Paese, caratterizzata da una semplicità di uso e disponibilità molto attraente per il cliente, ma anche da un alto grado di rischiosità per entrambe le parti. La banca fisserà un tasso di interesse e imporrà limite massimo alla somma di denaro concessa, oltre il quale non si potrà andare.

Il fido può essere a scadenza o a revoca; nel primo caso viene fissata una data di rimborso e la banca potrà recedere anticipatamente dal contratto solo per giusta causa; nel caso della scadenza indeterminata, invece, non esiste limite alcuno, ed entrambe le parti possono recedere dal contratto in qualsiasi momento.

Mutuo Chirografario

Il mutuo chirografario è una particolare tipologia di mutuo che non viene garantita da un’ipoteca ma, semplicemente, da un impegno del debitore.

La durata del mutuo è, di solito, compresa tra i 18 e i 60 mesi.

Finalità

Il mutuo chirografario viene richiesto, solitamente, per acquistare beni funzionali ad un’impresa, ad esempio: macchinari, materie prime, beni e servizi che servono per lo svolgimento dell’attività aziendale.

Tipologie:

Liquidità è un prodotto di finanziamento a breve termine a tasso variabile, destinato a risolvere i piccoli problemi di liquidità.

Scorte è un prodotto di finanziamento a tasso fisso o variabile, destinato a favorire l’approvvigionamento delle scorte di materie prime e prodotti finiti e il reintegro del capitale circolante.

Investimenti destinato a facilitare i grandi ed i piccoli investimenti in beni capitali e in risorse da impiegare nel processo produttivo.

Energie rinnovabili è un prodotto di finanziamento, erogabile in un’unica soluzione o a stato avanzamento lavori, a tasso fisso o variabile destinato all’investimento in impianti di produzione energetica da fonti rinnovabili.

Mutuo Ipotecario

Il mutuo ipotecario è un finanziamento a medio – lungo termine (superiore ai 18 mesi).

In genere, la sua durata va da un minimo di 5 anni ad un massimo di 20 anni per le aziende, fino a 30 anni per i privati. Si definisce ipotecario perché è assistito da una garanzia ipotecaria, normalmente acquisita sul diritto di proprietà di un bene immobile.

Finalità

Il mutuo ipotecario è un finanziamento concesso, generalmente, per acquistare, costruire o ristrutturare immobili e per finanziare a medio termine gli investimenti aziendali.

Lo Smobilizzo dei Crediti

Lo smobilizzo dei crediti è una linea di credito a breve termine che serve a generare flussi di cassa alle Imprese, anticipando i tempi di pagamento. Le operazioni di smobilizzo sono gli anticipi su ricevute bancarie, gli anticipi su fatture e il factoring. Ciò costituisce parte integrante del comparto degli affidamenti “a revoca”.

Finalità

Lo scopo è generare flussi di cassa positivi per l’Azienda, anticipando la naturale scadenza dei propri crediti. Tramite un’anticipazione si rendono immediatamente liquidi i propri crediti con dei costi bassi. I destinatari dello smobilizzo sono le Imprese, mentre i Soggetti coinvolti sono le Banche o altri Intermediari Finanziari.

Anticipo di Ricevute Bancarie

Uno strumento largamente utilizzato dalle Imprese è lo smobilizzo di ricevute bancarie (Ri.Ba.) elettroniche.

Prevede quanto segue:

– l’impresa domicilia presso la banca le ricevute bancarie di cui è creditrice (che rappresentano i suoi crediti commerciali);

– la banca ne cura l’incasso e, se l’impresa ne fa richiesta, ne anticipa il valore nominale, in tutto o in parte, accreditandolo sul conto corrente del creditore;

– se alla scadenza il debitore non paga presso la banca in questione si verifica un insoluto;

– alcune banche non accettano di anticipare all’azienda i nominativi per i quali si è già verificato in precedenza un mancato pagamento a regolare scadenza;

– questo servizio serve per rendere immediatamente liquidi i propri crediti e per monitorarne l’incasso.

Anticipo su Fatture

È uno strumento utile al fine di rendere immediatamente liquidi i propri crediti commerciali rappresentati da fatture. Viene utilizzato per i crediti relativi a debitori che non accettano l’emissione di ricevute bancarie.

Prevede quanto segue:

– l’azienda creditrice si reca in banca con l’originale della fattura da anticipare, la banca ne trattiene una copia ed effettua l’anticipo;

– è importante che la domiciliazione della fattura in questione sia presso la banca che ha effettuato l’anticipo;

– il costo complessivo dell’anticipo su fatture è, di norma, maggiore di quello relativo allo smobilizzo di Ri.Ba.;

– la banca può chiedere la notifica del credito al debitore o addirittura pretenderne la cessione.